Il manifesto del Partito Comunista in ottava rima

4 novembre 2017 • • Views: 21

La Bodeguita Social Club
Scali finocchietti, 28–Scali del Corso, 30 – cell. 346 610 0832
I martedì letterari
in collaborazione con Edizioni Erasmo

Martedì 28 novembre, ore 18.45
presentazione del libro di
Pilade Cantini
“IL MANIFESTO DEL PARTITO COMUNISTA IN OTTAVA RIMA”
EDIZIONI CLICHY
Martedì 28 novembre, alle ore 18.45, appuntamento con il libro di Pilade Cantini “Il Manifesto del Partito Comunista in ottava rima” (Edizioni Clichy – 2017), con scritti storico-politici, antropologici e narrativo-letterari di Simona Baldanzi, Mario Caciagli, Guido Carpi, Max Collini, Carlo Lapucci e Federico Maria Sardelli.
Coordina Simone Lenzi.
Il libro: Quando fu tradotto in Italia il Manifesto di Marx ed Engels (1889), la stragrande maggioranza di quei proletari, che i pensatori tedeschi esortavano ad unirsi, erano analfabeti. Da questa considerazione parte il divertimento di Pilade Cantini che, in sole otto ottave, riassume il famoso testo scritto a Londra nel 1848. Per l’occasione, alcuni autori toscani (con un’eccezione emiliana) – esperti di differenti discipline e provenienti da diversi campi di studio – ne approfittano per riflettere sulla funzione del marxismo tra le classi popolari, sul ruolo dei cantastorie nella divulgazione scientifica, sulla tradizione dell’ottava rima come forma poetica per l’improvvisazione ed il gioco ma anche per l’alfabetizzazione di operai e contadini. Completano l’opera, il testo originale di Marx ed Engels in tedesco e la
traduzione italiana di Palmiro Togliatti.
Pilade Cantini da San Miniato, nel pisano. Da vent’anni si esibisce con band musicali comico-comuniste quali i Rossi
pe’ Forza, gli Inti-illipiedi, gli Aeroflot feat, Collettivo Radio Mosca. Collabora con Il Vernacoliere; ha scritto “Piazza Rossa”, che ripercorre la storia dell’ex Pci attraverso racconti di paese, e “Balenando in burrasca” un libro dedicato a Carlo Monni.

Comments are closed.