Carteggio De Castro-Rossellini-Zavattini

19 ottobre 2017 • Notizie • Views: 35

“L’idea di trarre un film dal celebre libro Geografia della fame di Josué De Castro, nacque attorno a un piatto di spaghetti in una trattoria di Trastevere. Lo studioso brasiliano, allora presidente della commissione per l’alimentazione della FAO e Cesare Zavattini esaltavano la cucina romana e, forse per contrasto,De Castro estrasse dal suo portafoglio e mostrò al cineasta una serie di fotografie raccapriccianti nelle quali si vedevano su bambini dell’Asia e dell’America Centrale le conseguenze di un’alimentazione cattiva, insufficiente, inadeguata. Zavattini molto impressionato, pensò immediatamente alla realizzazione di una pellicola, di cui si proponeva di scrivere il soggetto basandosi sui documenti di De Castro.
A un certo punto, nel progetto si inserisce a sorpresa Roberto Rossellini.
Attraverso le voci dei protagonisti, si delinea un vero e proprio romanzo sul concepimento di un film, sulla struttura, sul metodo di lavoro, sul reperimento dei finanziamenti. A questo proposito, entra in gioco anche la Arco-Film del livornese Alfredo Bini.

Tags:

Comments are closed.