Siuski Livorno in 21 tuffi

14,00

Categoria:

Descrizione


Assanti, Biagetti, Bonaccorsi, Carmassi, Carmassi, Carmignani, Chenot, Dominici, Marsili, Masoni, Matteucci, Mayer,Palumbo, Paoletti, Pasqui Risaliti, Scarpelli, Spaccarelli

Quasi tutti gli Autori di questa raccolta si ritrovano ogni martedì sera, per scrivere e leggere. Il laboratorio è nato tre anni fa da un passaparola tra appassionati di libri che volevano cimentarsi con la scrittura. Così è nato Crepa!, una raccolta di noir ambientati a Livorno, l'esordio assoluto per la maggior parte degli Autori. Hanno cambiato luogo di ritrovo per ben tre volte, e non sono ancora riusciti a darsi un nome. Qualcuno è partito, altri sono arrivati. Insistono a inventare storie e personaggi, partecipano a concorsi letterari si sfidano e si mettono alla prova. Adesso hanno deciso addirittura di fare una gara di tuffi. Occhio agli schizzi
Dice che i livornesi sono gente di porto, non gente  di mare. C'è una bella differenza. Gli autori di questo libro sostengono invece che i livornesi sono gente da mare. Sia chiaro: mare inteso come spiaggia, ombrelloni, sdraio,bagnini, abbonamenti, gabbionate e così via. Posti dove si sta nudi o quasi - bermuda, bikini, infradito - per tutto il tempo. In costume i livornesi ci stanno proprio bene , sono a loro agio. Ci mangiano, ci bevono, ci giocano, si rilassano. E in costume si mostrano, si ammirano, si provocano, si seducono. Si prendono e si lasciano. Anche per questo il mare è così importante per coloro che vivono, lavorano o studiano a Livorno, e che all'andare al mare dedicano la maggior parte del tempo libero, sempre, tutto l'anno, perchè i livornesi al mare ci vanno anche d'inverno. E senon vanno al mare, vanno comunque sul mare. E se sono di transito da nord verso sud, o viceversa , spesso passano di mare (dall'introduzione di Manrico Scarpelli)